La  gestione ottimale del paziente ambulatoriale con scompenso cardiaco