ATTIVITA’ SPORTIVA E COMPARSA DI FIBRILLAZIONE ATRIALE: SISTE UNA CURVA A J?