La prevenzione della morte cardiaca improvvisa nel paziente affetto da scompenso cardiaco cronico