L’incontro odierno, oramai giunto alla settima edizione, cerca di fornire un adeguato aggiornamento nella gestione di quattro problematiche rivolte a patologie croniche fornendo soluzioni vincenti ed in continua evoluzione, che hanno subito e subiscono notevoli miglioramenti, raggiungendo obiettivi veramente soddisfacenti per migliorare la qualità di vita, ridurre la mortalità e le complicanze in ambito cardiovascolare. Ad esempio, nella prevenzione della malattia tromboembolica, coronarica, oncologica ed aritmica (anche associate) i nuovi anticoagulanti orali si stanno posizionando in maniera strategica vicino ai tradizionali antiaggreganti, anche questi tra l’altro recentemente arricchiti da nuove molecole. Nella gestione dello scompenso cardiaco una nuova molecola, il sacubitril affiancato al sartano, sta insieme alla tradizionale terapia per lo scompenso cardiaco migliorando la qualità di vita del paziente scompensato cronico. Mai si pensava inoltre di poter, partendo dalle dislipidemie più semplici, alle forme di ipercolesterolemia familiare più complesse e di difficile gestione, di arrivare a dei target di tollerabilità ed efficacia con l’ausilio che comunque deve partire da un corretto stile di vita, regime dietetico, affiancati a terapie utilizzando nutraceutici per arrivare alle varie statine anche associate ed agli anticorpi monoclonali. Un’altra sorpresa, in ambito diabetologico, ci viene fornita dall’utilizzo di farmaci antidiabetici orali quali i glitazoni o PPAR agonisti e gli inibitori della DPP4, che oltre a controllare lo stato glicemico hanno ridotto la mortalità cardiovascolare in maniera statisticamente positiva. Di tutto questo, insieme ad una corretta gestione in prevenzione primaria e secondaria della dieta, si parlerà all’incontro in oggetto assieme a clinici esperti ed a dietisti ed infermiere professionali addette a questo tipo di counselling.

Programma e scheda di iscrizione