ANCE PROVINCIALE TA 17
Le malattie cardiovascolari costituiscono spesso complicanze di altre patologie o esse stesse possono determinare scompensi di comorbilità presenti nello stesso soggetto.
Nello spirito di una cultura medica specialistica integrata, l’ecocardiografia, oggi, permette una valutazione più accurata e precisa per la stratificazione di gravità della patologia cardiaca primitiva e secondaria. Un esame in cui si devono conoscere, a livello generale, le indicazioni corrette nella diagnosi di primo livello e nella diagnosi di secondo livello.
Per tali motivi, il medico di medicina generale dovrà collaborare con il cardiologo e gli specialisti di patologie emergenti che comportano un peggioramento dell’attività cardiaca normale o già precaria, come l’oncologia, la pneumologia, la diabetologia e la nefrologia.
Il cardiologo, il geriatra e l’internista dovranno collaborare sul territorio sempre più in forma integrata per stabilire dell’adulto e/o nell’anziano il programma diagnostico-terapeutico più indicato “ad personam”, nel rispetto delle raccomandazioni delle linee guida ufficiale.

Dott. Giuseppe Lantone